Esterometro 2019

Breve guida di Atlantis Evo su che cos'è Esterometro

Esterometro 2019

Esterometro 2019 1000 597 Atlantis Evo
Esterometro 2019 con software gestionale Atlantis Evo

Con l’introduzione della fattura elettronica scatta anche un nuovo adempimento Comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere ovvero Esterometro per comunicare all’Agenzia delle Entrate le operazioni effettuate da e verso operatori esteri.

Perché è stato introdotto?

Come noto insieme con l’introduzione della fattura elettronica scompare lo Spesometro 2019 (Comunicazione dati fatture emesse e ricevute). Allo stesso tempo dall’obbligo della fatturazione elettronica sono escluse le fatture emesse e ricevute da e verso soggetti esteri non stabiliti nel territorio dello Stato. Nonostante l’abolizione dello Spesometro questi dati continuano ad essere oggetto di controllo dall’Agenzia delle Entrate.
A questo punto per garantire il controllo sulle operazioni da o verso i soggetti esteri è stato introdotto un nuovo adempimento Comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere, il cosiddetto Esterometro.

In pratica gli operatori IVA stabiliti in Italia e obbligati all’emissione della fattura elettronica, che emettono o ricevono le fatture da o verso i soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato sono obbligati alla nuova comunicazione dati, l’Esterometro.

Sono escluse dall’obbligo di comunicazione, ma è comunque possibile in via facoltativa, le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse fatture elettroniche.

Quali fatture vanno comunicate tramite l’Esterometro?

Fatture emesse:

  • fatture per cessioni intra di beni e servizi;
  • fatture emesse per servizi generici extra UE;
  • fatture emesse a San Marino e Città del Vaticano

Fatture passive:

  • fatture acquisto Intra di beni e servizi;
  • fatture acquisto da San Marino e Città del Vaticano;
  • fatture di acquisto ricevute da aziende con rappresentante fiscale in Italia o con identificazione diretta in Italia;
  • autofatture per servizi da soggetto extra UE;
  • autofatture per acquisti di beni da magazzini italiani da fornitori extraUE.

L’invio dell’Esterometro rimane facoltativa per tutte le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale. Questo in quanto si tratta di operazioni già note all’Agenzia delle Entrate, lo stesso riguarda alle operazioni per le quali siano state emesse fatture elettroniche per mezzo del sistema di interscambio (SDI).

In pratica l’emissione della fattura elettronica verso i soggetti esteri comporterà l’esonero dall’obbligo dell’Esterometro. 

Per emettere la fattura elettronica verso soggetto transfrontaliero in modo corretto è necessario indicare i seguenti dati:

  • nel campo “CodiceDestinatario” indicare il codice “XXXXXXX”
  • nel campo “identificativo fiscale IVA” inserire il numero della partita IVA comunitaria oppure “OO 99999999999” per i soggetti extraUE.

Esterometro: I soggetti obbligati ed esclusi

La Comunicazione dati delle operazione transfrontaliere riguarda tutti gli operatori IVA obbligati all’emissione della fattura elettronica, i soggetti esclusi dall’obbligo della Comunicazione sono tutti quei soggetti esonerati dall’obbligo della fatturazione elettronica (come per esempio, i soggetti che rientrano nel regime di vantaggio, i soggetti che applicano il regime forfetario, ossia soggetti con ridotto volume d’affari).

Inoltre, sono esclusi dall’obbligo della comunicazione delle operazioni transfrontaliere anche i soggetti esteri, comunitari e non, identificati in Italia, essendo  non tenuti ad emettere le fatture elettroniche. Sono esclusi, inoltre, i soggetti non residenti e non stabiliti in Italia.

Le scadenze dell’Esterometro 2019:

La trasmissione dell’Esterometro (a differenza dello Spesometro) è mensile e la sua scadenza è entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di emissione o ricezione della fattura. Per data di ricezione si intende la data di registrazione dell’operazione ai fini della liquidazione dell’IVA.

Pertanto per l’Esterometro è già confermato il rinvio dal 28 febbraio al 30 aprile 2019 della scadenza per la trasmissione della comunicazione dei dati delle fatture, la proroga riguarda sia le fatture del mese di gennaio che quelle del mese di febbraio.

Esterometro 2019: la struttura e la modalità di invio

La struttura dell’Esterometro in sostanza è quella dello Spesometro. Il tutto con la sola differenza che i dati da trasmettere saranno appunto limitati a quelli che si riferiscono a rapporti intrattenuti con l’estero.

La Comunicazione dei dati deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate tramite file formato xml. Affinché il file xml sia accettato dal sistema dell’Agenzia delle Entrate, il file deve essere firmato tramite apposita firma elettronica oppure, solo in caso di invio del file tramite l’interfaccia web del servizio “Fatture e Corrispettivi”, il sigillo elettronico dell’Agenzia delle Entrate.

L’Esterometro e il software gestionale Atlantis Evo:

Il gestionale Atlantis Evo permette di generare il file formato xml della Comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere (Esterometro) tramite la funzione Comunicazione dati fatture del modulo Contabilità per il successivo invio all’Agenzia delle Entrate tramite l’interfaccia “Fatture e corrispettivi”.

La generazione della Comunicazione dati Esterometro con Atlantis Evo viene eseguita tramite le seguenti fasi:

  •  la generazione dei dati delle fatture
  •  la verifica dei dati delle fatture
  •  la generazione del file xml dell’Esterometro

Nella prima fase è necessario selezionare l’esercizio e il periodo dell’estrazione fatture, tipo dell’estrazione (fatture emesse o ricevute), indicare la nazione dei soggetti.

Per selezionare tutte le fatture da o verso soggetti esteri basta scegliere la nazione “Italia” e mettere la spunta “Escludi nazione selezionata” . In tal modo il programma sceglie tutte le fatture con i soggetti di nazioni diversi da quella italiana.

funzione Esterometro con il software gestionale Atlantis Evo

 

La seconda fase “Gestione Dati” consiste nella verifica dei dati estratti ed eventuale loro adeguamento prima della generazione del file della Comunicazione.

esterometro_dettaglio_soggetto

Con il bottone dettaglio è possibile di visualizzare i dati anagrafici dell’anagrafica cliente / fornitore selezionata e tutti i suoi documenti.
Inoltre Atlantis Evo permette di controllare e modificare i dettagli di ogni record, segnare come controllato oppure da non inviare.

Cliccando sul bottone “genera file” si apre un’apposita maschera che permette di compilare i dati per la generazione del file xml. Alla conferma Atlantis Evo propone di salvare il file, selezionando la posizione desiderata.

Il file xml dell’Esterometro è pronto per la firma digitale e invio all’Agenzia delle Entrate tramite l’interfaccia web del servizio “Fatture e Corrispettivi”.